MauLin

La filosofia dei cat-blogger

Volare con il proprio gatto

gatto-in-valigia

Finalmente buone notizie per i nostri amici a quattro zampe che viaggiano in aereo. In Australia saranno considerati “frequent flyer”.

Sarà infatti possibile volare con il proprio gatto con gli stessi “privilegi” delle persone. La compagnia aerea Virgin Australia ha infatti introdotto lo status di “frequent flyer”, viaggiatori abituali, anche per gli animali, estendendo a loro gli sconti e i privilegi riservati a tutti gli altri passeggeri.

Si tratta del primo programma fedeltà di una compagnia aerea australiana riservato agli animali domestici. Viaggiare con il proprio pet farà infatti guadagnare al proprietario almeno 300 punti, che verranno sommati a quelli dedicati a lui.

I punti accumulati aumenteranno poi in base al livello raggiunto dai rispettivi proprietari. I cani o gatti che viaggiano al seguito di un passeggero Platinum ad esempio, guadagneranno 600 punti, quelli che viaggeranno con un passeggero Golden 525 punti, e così via.

I punti accumulati potranno essere scalati per l’acquisto di biglietti per i successivi viaggi, oppure essere utilizzati per acquistare cibo e prodotti per animali presso le aziende partner dell’iniziativa.

Iniziativa che nasce dalla constatazione che cani e gatti sono ormai a tutti gli effetti entrati a far parte di moltissime famiglie, e il numero di proprietari che decide di portare con sè il proprio animale durante gli spostamenti, cresce in maniera esponenziale.

La compagnia aerea ha inoltre intenzione di estendere in futuro lo status di frequent flyer anche a pesci, uccelli e pappagalli.

E allora non  ci resta che augurare buon viaggio ai nostri amici pelosetti e … buona raccolta punti ai loro proprietari :)

Fonte: Virgin Australia

 

Inserisci un commento



Cos'è Maulin

MauLin è il nome che alcuni monaci attribuirono al loro antico monastero a seguito della sua curiosa particolarità. Esso era circondato da una foresta abitata da un numero imprecisato di gatti i quali conducevano la propria vita in stretta connessione con la natura, l'ambiente circostante e i monaci stessi. La presenza di tali felini trasmetteva agli abitanti del monastero tranquillità, felicità e infinita saggezza.