MauLin

La filosofia dei cat-blogger

L’ultima moda? Tatuaggi per gli animali domestici

tatoo

L’ultima moda che sta prendendo piede in questo periodo negli Stati Uniti, è quella di fare piercing e realizzare tatuaggi per animali domestici.

Spesso abbiamo la sensazione che in fatto di moda si sia ormai visto di tutto e che nulla possa più stupirci. Ma ci sono cose che superano ogni fantasia e potremmo dire ogni “limite”. Tanto che lo Stato di New York ha dichiarato guerra all’assurda moda di fare tatoo ai propri animali non a fini di riconoscimento ma al solo scopo ornamentale.

Una proposta di legge è stata infatti presentata in Parlamento dalla deputata democratica Linda Rosenthal. La legge ha l’intenzione di difendere gli animali nel loro diritto a “non essere soggetti ai capricci umani e a scelte di moda”.  Per i trasgressori sono previste sanzioni che arrivano fino a un anno di carcere e a mille dollari di multa.

Il divieto ovviamente non riguarda i tatuaggi permanenti fatti a scopi medici o di riconoscimento, né quelli temporanei fatti alle mostre di bellezza o in alcuni saloni di toelettatura.

Questa moda si sta diffondendo molto rapidamente non solo negli Stati Uniti, ma anche in Russia e in Asia, dove ad essere tatuati sono diversi animali, compresi i maiali. In Cina ad esempio è di buon auspicio regalare pesci tatuati.

Basta fare un giro sul web per vedere quanto sia ormai esteso questo fenomeno. Ci si può imbattere infatti in numerosissime foto che mostrano cani e gatti con il corpo completamente tatuato. I soggetti sono diversi e vanno da personaggi come Tutankhamon, tatuato sul corpicino di malcapitati mici, a scritte e disegni vari sulla schiena e sull’addome di tantissimi cani.

Chi sa cosa ne pensano i nostri amici a quattro zampe.  Faremmo bene a chiedercelo ogni tanto…

Fonte: NYDailyNews

 

 

 

 

 

Inserisci un commento



Cos'è Maulin

MauLin è il nome che alcuni monaci attribuirono al loro antico monastero a seguito della sua curiosa particolarità. Esso era circondato da una foresta abitata da un numero imprecisato di gatti i quali conducevano la propria vita in stretta connessione con la natura, l'ambiente circostante e i monaci stessi. La presenza di tali felini trasmetteva agli abitanti del monastero tranquillità, felicità e infinita saggezza.