MauLin

La filosofia dei cat-blogger

Salvo il micio di cinque mesi dato alle fiamme

micio-justin

È salvo Justin, il gattino di 5 mesi cosparso di benzina e dato alle fiamme da uno sconosciuto qualche giorno fa.

Questo dolcissimo scricciolo, venuto al mondo pochi mesi fa, ha purtroppo già potuto sperimentare la crudeltà umana.

Il terribile episodio di violenza è avvenuto nella cittadina di Lebanon in Pennsylvania. Secondo alcune testimonianze, un passante ha cosparso il micio di benzina e poi gli ha dato fuoco subito prima di dileguarsi. Un uomo accortosi del piccolo in pericolo, si è tolto istintivamente la giacca e ha spento le fiamme. Per fortuna Justin, questo il nome dato al povero animale, nonostante le gravissime ustioni è salvo e adesso si trova nella clinica veterinaria di Animal Alliance, nel New Jersey, in attesa di essere adottato.

Il gattino ha riportato ustioni di secondo e terzo grado sulla schiena e sulla testa e purtroppo dovrà essergli asportata la cartilagine delle orecchie.

La fotografia del piccolo Justin dopo il salvataggio dalle fiamme

La polizia sta ora cercando il responsabile di questo gesto così crudele e la Humane Society ha offerto fino a cinquemila dollari a chiunque aiuti a rintracciarlo o possa fornire informazioni utili. La Animal Alliance, invece, cerca donatori per coprire i costi delle cure per il piccolo micio, dai 5mila ai 6mila dollari.

Intanto, il video di Justin sta commuovendo il web.

Ci auguriamo che questo cucciolo trovi presto una famiglia che lo adotti e che in qualche modo gli faccia capire che esistono anche esseri umani capaci di grande amore per gli animali.

In bocca al lupo piccolo!

Fonte: DailyMail

Categoria: Miagolii Tags: , , , ,

1 commento.


  1. PAOLA scrive:

    Chi si permette di fare crudeltà cosi immonde NON AMA la propria vita!
    Paola

Inserisci un commento



Cos'è Maulin

MauLin è il nome che alcuni monaci attribuirono al loro antico monastero a seguito della sua curiosa particolarità. Esso era circondato da una foresta abitata da un numero imprecisato di gatti i quali conducevano la propria vita in stretta connessione con la natura, l'ambiente circostante e i monaci stessi. La presenza di tali felini trasmetteva agli abitanti del monastero tranquillità, felicità e infinita saggezza.