MauLin

La filosofia dei cat-blogger

Il pranzo di Natale potrebbe essere pericoloso per i nostri gatti. Facciamo attenzione

Gatto-di-Natale

Manca ormai davvero poco al pranzo di Natale con amici e parenti. Sulle nostre tavole saranno presenti numerosi piatti elaborati e tantissimi dolci. Ma come comportarsi in questa occasione se in casa sono presenti animali domestici?

Dobbiamo tenere sempre ben presente infatti che la maggior parte dei cibi che a noi piacciono tanto e che ci fanno letteralmente “leccare i baffi”, per i nostri amici a quattro zampe possono risultare estremamente pericolosi. Sicuramente la tentazione di cedere ai loro occhioni dolci mentre ci guardano mangiare una fetta di pandoro o di panettone è fortissima, ma dobbiamo stare davvero molto attenti.

Canditi e uvetta passa possono avere degli effetti collaterali estremamente pericolosi, tanto da danneggiare (a volte anche in maniera irreversibile) i reni dei nostri amati pelosi. Per non parlare poi del cioccolato con il quale sono glassati numerosi pandori presenti sulle nostre tavole imbandite. Il cioccolato contiene infatti teobromina, un alcaloide che se ingerito in grandi quantità può provocare negli animali un vero e proprio avvelenamento che in alcuni casi più gravi può portare addirittura alla morte. In questo caso sarebbe quindi opportuno cercare di indurre il vomito nel nostro animale e rivolgersi immediatamente ad un veterinario.

Ma comunque più in generale dobbiamo sapere che gli zuccheri e i grassi in eccesso possono causare pancreatiti letali anche alcuni giorni dopo la loro assunzione. Dobbiamo quindi prestare molta attenzione ad alcuni di quei sintomi che potrebbero essere dei segnali di avvelenamento quali vomito, urinazione frequente, diarrea, crisi epilettiche e aritmie cardiache.

Inoltre è anche buona regola non dare mai gli avanzi del nostro pranzo o cenone a micio e fido. Soprattutto se questi avanzi di carne contengono ossa. Le schegge potrebbero infatti ferire in maniera grave il palato e danneggiare l’apparato digerente. Questo è ancor più vero per il gatto rispetto al cane.

Attenzione anche a quei cibi estremamente elaborati che possono contenere al loro interno aglio, cipolla o erba cipollina i quali contengono sostanze che il gatto non riesce a metabolizzare. Queste possono agire sui globuli rossi rendendoli deboli e causando gravi anemie.

Molto pericolose sono poi le bevande alcoliche. Quindi evitiamo di lasciare vino e spumante a portata di gatto.

Insomma, lasciamo pure che il nostro gatto festeggi con noi il Natale ma cerchiamo di stare molto attenti a quello che lasciamo in giro alla sua portata. Magari prepariamo apposta per lui qualcosa di buono e di sano da gustare con noi durante il pranzo o il cenone (per sapere come nutrire il vostro micio leggete un nostro articolo dedicato).

 

Inserisci un commento



Cos'è Maulin

MauLin è il nome che alcuni monaci attribuirono al loro antico monastero a seguito della sua curiosa particolarità. Esso era circondato da una foresta abitata da un numero imprecisato di gatti i quali conducevano la propria vita in stretta connessione con la natura, l'ambiente circostante e i monaci stessi. La presenza di tali felini trasmetteva agli abitanti del monastero tranquillità, felicità e infinita saggezza.