MauLin

La filosofia dei cat-blogger

Perché un gatto cade sempre sulle zampe?

gatto-cade

È una delle domande più comuni che ci si pone sul gatto.

Ovviamente va chiarito che il gatto riesce ad atterrare in sicurezza in base all’altezza del lancio. Distanze molto alte potrebbero non consentire il giusto salvataggio.

In ogni caso va detto che su questo interrogativo si erano soffermati anche gli astronauti che intendevano studiare l’assenza di gravità sugli animali e sui gatti in particolare.

Per quanto a molti animalisti il filmato che vi segnaliamo possa non piacere affatto (i mici, comunque, non risultano aver subito danni) Destin di Smarter Every Day ha provato a testare e studiare la dinamica di caduta.

Il gatto, lasciato cadere di schiena, è in grado di valutare la torsione migliore del proprio corpo al fine di arrivare a terra con le zampe in posizione. Il micio ruota prima la parte anteriore, ritraendo le zampe così da accelerare il movimento, e subito dopo la parte posteriore estendendo però, in questo caso, le zampe così da rallentare la velocità di caduta.

La rappresentazione grafica della caduta di un gatto

Raggiunta la metà della rotazione, il gatto estende anche le zampe anteriori così da dimibuire la velocità e avere il tempo di allineare tutte e quattro le zampe. Quindi il gatto cade sempre sulle zampe poiché riesce a gestire istintivamente la dinamica di caduta, basata principalmente sulla rotazione del proprio corpo.

È evidente come nessuno di noi ha intenzione di ripetere l’esercizio… però, la prossima volta che il vostro gatto cade, prestate un occhio :)

Fonte: Smarter Every Day

Categoria: Miagolii Tags: , , , ,

Inserisci un commento



Cos'è Maulin

MauLin è il nome che alcuni monaci attribuirono al loro antico monastero a seguito della sua curiosa particolarità. Esso era circondato da una foresta abitata da un numero imprecisato di gatti i quali conducevano la propria vita in stretta connessione con la natura, l'ambiente circostante e i monaci stessi. La presenza di tali felini trasmetteva agli abitanti del monastero tranquillità, felicità e infinita saggezza.