MauLin

La filosofia dei cat-blogger

Non sapete a chi affidare il gatto? Scegliete Petme

petme

Non sapete a chi affidare il gatto in vista di una vacanza o di un weekend fuori casa? Finalmente arriva Petme, il sito dedicato a chi ha bisogno di un pet sitter.
Abbiamo intervistato i suoi creatori per capire meglio di cosa si tratta.

Come e quando è nata l’idea di aprire un sito dedicato a coloro che hanno bisogno di un pet sitter?

L’idea è venuta a me e al mio compagno Carlo Crudele perché ne avevamo bisogno noi! Lo scorso agosto, freschi di trasloco e in procinto di partire per un mese in America abbiamo sudato le famose sette camicie per trovare qualcuno a cui affidare i nostri due gatti, Pepé e Minù. Come sapete, i gatti amano rimanere a casa loro, nel proprio territorio, pertanto è fondamentale trovare una persona capace di prendersene cura e che presti un servizio di pet sitting a domicilio. Io e Carlo non abbiamo le nostre famiglie a Milano, quindi non possiamo contare sulla loro vicinanza per aiutarci. Dopo varie telefonate, visite su siti e directories, ci siamo chiesti come mai non ci fosse un sito in stile Airbnb dove trovare un pet sitter vicino a noi, referenziato, competente ed economico, ma soprattutto capace di rispondere alle nostre esigenze. No, non c’era e allora perché non farlo noi?!

Chi siete ed in quanti siete ad occuparvi del sito e della relativa pagina Facebook?

Siamo in due. Quattro mani ed un’unica grande passione, gli animali! La notte, durante il weekend, nelle ore libere… insomma, appena troviamo un momento da dedicare al nostro progetto ci  buttiamo a capofitto nel lavoro.

Quali sono secondo voi le caratteristiche che deve avere un pet sitter e quali “garanzie” offrite a chi decide di affidare il proprio amico a quattro zampe ad una persona selezionata dal vostro sito?

Un pet sitter deve essere innanzitutto una persona che ama gli animali! Con i nostri amici pelosi occorre dedizione e cura, soprattutto perché, come per i cuccioli di essere umano, non parlano e a volte è difficile capire cosa hanno. Deve essere competente, perché ogni animale e razza necessita di una cura a sé. In PetMe è possibile trovare pet sitter che si dedicano anche alla cura di animali esotici. Infine, un pet sitter deve essere affidabile e referenziato, perché un animale è come un figlio e non lo si affida a chiunque e, nel caso di pet sitting a domicilio, è fondamentale sapere a chi diamo le chiavi di casa!

La vostra pagina Facebook è davvero molto bella e a pochi mesi dalla sua apertura ci sono già tante persone che la seguono. Ve lo aspettavate?

Effettivamente il riscontro è positivo, siamo a più di 800 fans raggiunti in pochi mesi. Noi parliamo con il cuore al cuore delle persone. Al di là della tecnologia, quello che vogliamo fare è dar vita ad uno strumento che aiuti concretamente le persone nella gestione dei propri animali. Perché è importante garantire loro la miglior vita possibile e allo stesso tempo essere noi sicuri e tranquilli ogni volta che andiamo via e ce ne separiamo. Io credo che le persone abbiano compreso questo nostro fare, molto personale, a volte scanzonato, ma pieno di reale amore per gli animali e per ciò che facciamo.

Dedicarsi ad un progetto come Petme, vuol dire avere davvero a cuore gli animali. Cosa vuol dire per voi prendersi cura di un pelosetto?

Vuol dire amarli senza se e senza ma. Vuol dire avere tempo per loro e anche sacrificarsi quando è necessario. Vuol dire comprendere che loro sono animali e non pretendere comportamenti umani, ma rispettarne la natura. Vuol dire essere pronti ad affrontare le eventuali emergenze se hanno problemi di salute, anche se questo comporta svegliarsi nel cuore della notte per portarli dal veterinario (ndr quello che è accaduto a noi qualche settimana fa con uno dei nostri gatti, malato di diabete e in preda ad una crisi ipoglicemica).

petme-affido

Ne avete uno come amico? Se si, presentatecelo.

Ne abbiamo più di uno… i nostri animali sono, in ordine di anzianità, Titti, dolcissima pincherina alla soglia dei 15 anni. In questi giorni non sta più tanto bene, ma ogni giorno si sorprende per la sua immensa forza e voglia di vivere. Poi c’è il siamese Pepé, che da dieci anni mi accompagna fedelmente con i suoi occhi azzurri. Poi c’è la nera Minù, che 9 anni fa andai a prendere in campagna vicino a Parabiago. Piccola e nera come un topo, da allora non ha più smesso di combinare danni. Infine c’è Falcon, che in realtà non c’è più da 4 anni, morto avvelenato. Bianco, un incrocio con un persiano, ancora oggi faccio fatica a parlare di lui senza piangere.

Cosa vi aspettate da questa nuova avventura che state per intraprendere?

Ci aspettiamo lo sviluppo e il consolidamento di una piattaforma digitale che pian paino diventi la casa per tutti coloro che hanno animali o che lavorano con gli animali. Il social petwork, come lo abbiamo definito, dove gli utenti possano trovare risposte e soluzioni alle loro richieste e i professionisti del mondo pet un valido strumento di promozione dei propri servizi, ampliando la propria rete di contatti e clientela.

Perchè ultimamente le pagine dedicate agli animali attirano così tanta attenzione? È un fenomeno temporaneo, una moda, o c’è davvero un rinnovato interesse nei loro confronti?

Io credo che negli anni il ruolo dell’animale sia cambiato fino a diventare un vero e proprio componente della famiglia. In questo anche i media hanno svolto un ruolo importante, presentando personaggi impegnati realmente nel mondo animale. Peraltro è sempre maggiore la presa di coscienza verso la salvaguardia dell’animale e il rispetto delle specie. Infine, aggiungi che i nostri meravigliosi amici pelosi hanno il dono dell’innocenza perenne. Quella che noi umani perdiamo e ammirarli, parlarne e proteggerli, in qualche modo significa recuperare quel senso di purezza e limpidezza che noi non abbiamo più.

petme-gatto

Ma chiudiamo con una curiosità. Qual’è l’animale “pubblico” (protagonista di un film, di un cartone animato, di un libro, di un fumetto ecc.) che preferite? E perchè?

Io, Alice, anche per una questione di nome non posso non amare lo Stregatto di Lewis Carrol.

Carlo, in nome della sua passione per i cani e per i fumetti, ogni volta che vede Snoopy si esalta!

Categoria: Miagolii Tags: , , , , , ,

Inserisci un commento



Cos'è Maulin

MauLin è il nome che alcuni monaci attribuirono al loro antico monastero a seguito della sua curiosa particolarità. Esso era circondato da una foresta abitata da un numero imprecisato di gatti i quali conducevano la propria vita in stretta connessione con la natura, l'ambiente circostante e i monaci stessi. La presenza di tali felini trasmetteva agli abitanti del monastero tranquillità, felicità e infinita saggezza.