MauLin

La filosofia dei cat-blogger

La filosofia del gatto

La-filosofia-del-gatto

Dall’esterno si immagina che avere un gatto sia semplicemente avere un amico in più, una pelosa compagnia animale. Ci si immagina che la scelta di un gatto sia una scelta di simpatia: il padrone è come il gatto, e viceversa.

È la somiglianza che li lega. Oppure si immagina che la scelta abbia un carattere di rappresentazione, di trasfigurazione: il gatto è colui che il padrone non è, ma vorrebbe essere.

In realtà, chi ha un gatto sa che nessuna di queste ipotesi è propriamente vera. Chi ha un gatto sa che esso è soprattutto sorpresa, meraviglia. È il balenare di un momento in cui si ritrova un calore che non ci si aspettava. E, insieme, il rifiuto gelido a una carezza non richiesta.

Per questo, scrivere una filosofia del gatto è affascinante e rischioso. Filosofia, nel senso platonico, significa sorpresa, meraviglia. E il gatto, nella vita di tutti i giorni, è proprio meraviglia, sorpresa. Un filosofia del gatto è dunque uno stupore dello stupore, una sorpresa della sorpresa. Con tutti gli aspetti positivi e negativi che le sorprese portano con sé.

[Tratto dalla Premessa de La filosofia del gatto, di Salvatore Patriarca, ed. Newton Compton, prezzo 9,90EUR. Potete scaricare gratuitamente le prime pagine del libro, dal sito 10righedailibri.it]

Categoria: Miagolii Tags: , , ,

Inserisci un commento



Cos'è Maulin

MauLin è il nome che alcuni monaci attribuirono al loro antico monastero a seguito della sua curiosa particolarità. Esso era circondato da una foresta abitata da un numero imprecisato di gatti i quali conducevano la propria vita in stretta connessione con la natura, l'ambiente circostante e i monaci stessi. La presenza di tali felini trasmetteva agli abitanti del monastero tranquillità, felicità e infinita saggezza.