MauLin

La filosofia dei cat-blogger

Gatto perde le zampe a causa di una trappola

trappola

In America un gatto è finito in una trappola illegale e ha perso le zampe.

Philbert è un micio della cittadina di Athol, e la conformazione del suo pelo dà l’idea che abbia una folta capigliatura, tra il bianco e il nero.

Le sue zampe anteriori sono state mutilate quando è stato catturato da una tagliola illegale. Lo staff veterinario dell’Animal Rescue League di Boston e della Cummings School of Veterinary Medicine della Tufts University di Grafton, hanno fatto di tutto per provare a salvarlo.

Il micio ora è ricoverato e sotto osservazione, a seguito dell’amputazione resasi necessaria a causa delle profonde ferite che aveva subito. Le tagliole, purtroppo, non hanno dato scampo alle piccole zampe di Philbert che, oltre al dolore del colpo, si è ritrovato anche incastrato nella stessa senza potersi muovere.

Il micio Philbert

Solo l’intervento dei suoi padroni, alla sua ricerca dopo ore di assenza, hanno consentito di salvarlo prima che fosse troppo tardi. Purtroppo non hanno potuto estrarre le sue zampe immediatamente, non avendo strumenti adatti per aprire la tagliola. Hanno così chiamato l’Animal Rescue League.

Considerate che queste trappole vengono utilizzate per catturare le volpi, con una dinamica triste e violenta.

Nel video che segue (che vi consigliamo di non vedere se siete troppo sensibili) sono riportate alcune delle trappole pericolose per gli animali.

Fortunatamente gli animali – e i gatti in particolare – sono rapidi nel guarire dalle amputazioni, come abbiamo avuto modo di vedere anche in altre storie, e Philbert riuscirà a riprendere una normale attività fisica.

Guarisci presto micio!

Fonte: Telegram

Inserisci un commento



Cos'è Maulin

MauLin è il nome che alcuni monaci attribuirono al loro antico monastero a seguito della sua curiosa particolarità. Esso era circondato da una foresta abitata da un numero imprecisato di gatti i quali conducevano la propria vita in stretta connessione con la natura, l'ambiente circostante e i monaci stessi. La presenza di tali felini trasmetteva agli abitanti del monastero tranquillità, felicità e infinita saggezza.