MauLin

La filosofia dei cat-blogger

Un gatto gigante a Detroit

gatto-alieno

Ha attraversato il nordest della cittadina americana, spaventando e allarmando numerosi cittadini.

I primi ad avvistare il gatto gigante sono stati due sorelline: una creatura alta, in apparenza un gatto ma più grande. Con una coda più lunga di un braccio. Ma lo strano animale non si è soffermato a parlare con i due testimoni ed è fuggito via.

Sin da subito le associazioni animali hanno ipotizzato che si trattasse di una razza esotica di gatto, il Savannah: un incrocio tra la razza Serval e un gatto domestico. Il primo esemplare fu ottenuto nel 1986, con l’incrocio con un gatto siamese.

Ma purtroppo, spaventati da ciò che non si conosce, alcuni abitanti della zona hanno iniziato la caccia al curioso animale, uccidendolo con un colpo d’arma da fuoco. I vicini hanno dichiarato di aver contattato la polizia locale quando il gatto era stato avvistato in zona, ma non essendo intervenuti hanno deciso di risolvere la questione da sé.

Il gruppo di ricerca del gatto ha quindi chiesto dove avessero colpito il gatto e dove fosse stato abbandonato, scoprendo così che era stato gettato in un bidone della spazzatura. Il proprietario del gatto, come comprensibile, è distrutto. Il micio era scappato di casa qualche giorno prima: la sua razza è particolarmente rara e costosa, e si presenta con un manto leopardato.

Un esemplare di Savannah

Un’altra curiosa particolarità della razza Savannah è che è sterile sino alla quinta generazione: le generazioni indicano il livello di di razza Serval presente nel felino. Alla prima generazione ce n’è il 50%, alla quinta circa il 3%.

Fonte: UsaToday

Categoria: Miagolii Tags: , ,

Inserisci un commento



Cos'è Maulin

MauLin è il nome che alcuni monaci attribuirono al loro antico monastero a seguito della sua curiosa particolarità. Esso era circondato da una foresta abitata da un numero imprecisato di gatti i quali conducevano la propria vita in stretta connessione con la natura, l'ambiente circostante e i monaci stessi. La presenza di tali felini trasmetteva agli abitanti del monastero tranquillità, felicità e infinita saggezza.