MauLin

La filosofia dei cat-blogger

Attenti al serpente

Se avete paura dei serpenti, la presenza di un gatto in casa potrebbe aiutarvi a stare tranquilli. A Lismore, in Australia, il gatto di Tess Guthrie deutsche online apotheke propecia canada 5 mg. . ha provato per giorni ad allertare la propria padrona della presenza di un intruso in casa. Per la precisione un pitone, lungo un metro e ottanta centimetri.

Come racconta il Daily Telegraph Brand Viagra cheapest , svegliata nel cuore della notte dal miagolio del suo gatto, Tess A? accorsa nella stanza della figlia Zara e ha scoperto la pericolosa presenza. buy misoprostol cytotec online. Il pitone, infatti, era avvolto attorno al braccio della piccola di due anni Homework . Invece di farsi prendere dal panico, Tess ha afferrato il serpente e lo ha allontanato da Zara.

http://youth-4-elbe.org/?p=2457

Tex Tillis

retin-a buy online.

http://tv1.si/buy-paroxetine-online/ buy Priligy

Secondo il parere di cialis online Tex Tillis buy malegra , il responsabile della protezione animali chiamato per recuperare il rettile, i serpenti percepiscono il mondo come se fossero dotati di infrarossi. Attirato quindi dalle lampadine poste vicino il lettino della bambina, ha poi provveduto ad assumere la “comoda” posizione attorno al braccio della piccola.

dopoxetine reviews

Cecil, questo il nome assegnato al pitone, A? stato perA? salvato dalla stessa Tess che ha richiesto che fosse lasciato libero in una foresta selvatica a pochi kilometri da casa.

Per quanto gli organi di stampa sottolineino la bravura e il coraggio della madre, noi di Maulin sappiamo che il plauso va assegnato al gatto di casa che nei giorni precedenti aveva piA? volte cercato di allertare i suoi padroni, miagolando e rifiutando il cibo, ottenendo in cambio solo una inutile visita veterinaria.

La storia ci serva da consiglio: se il nostro gatto miagola, diamogli ascolto… potrebbe esserci un serpente in casa!

order from canadian pharmacy.
Brand Viagra cheap

Inserisci un commento



Cos'è Maulin

MauLin è il nome che alcuni monaci attribuirono al loro antico monastero a seguito della sua curiosa particolarità. Esso era circondato da una foresta abitata da un numero imprecisato di gatti i quali conducevano la propria vita in stretta connessione con la natura, l'ambiente circostante e i monaci stessi. La presenza di tali felini trasmetteva agli abitanti del monastero tranquillità, felicità e infinita saggezza.