MauLin

La filosofia dei cat-blogger

Il prurito nel gatto

il gatto si gratta

Può capitare a volte che notiate nel vostro gatto un continuo e assiduo grattarsi. Proviamo a capire i motivi del suo prurito.

L’indicazione principale che dobbiamo sempre ricordare è che quando c’è qualcosa che non va il micio va portato in visita dal veterinario di fiducia, che è l’unico in grado di stabilire l’entità del problema e fornire una terapia adeguata!

Proviamo però a spiegare come interpretare alcuni disturbi comuni, come il prurito, così da valutare se è il caso di portarlo dal nostro veterinario.

Il mio gatto si gratta in continuazione: a cosa è dovuto il prurito?

Un grattarsi ripetuto e spasmodico, soprattutto nella zona delle orecchie, può essere comunemente dovuto a:

Parassiti

La presenza di pulci può portare il gatto a grattarsi soprattutto fianchi ed orecchie. Il problema si risolve con l’applicazione di un antiparassitario spot on come il Frontline combo gatto. Non usate mai antiparassitari per cane: devono essere specifici per il gatto dal momento che nella formulazione di quelli per cani possono essere presenti elementi chimici dannosi ed in alcuni casi mortali per i mici (es. l’intossicazione da Advantix è gravissima!). Non usate neanche i prodotti in spray, poiché il gatto tende a leccarsi, con conseguente intossicazione.

Otiti di varia natura

L’otite può essere di origine batterica o micotica; in entrambi i casi viene curata con delle gocce da applicare all’interno del condotto auricolare un paio di volte al giorno per un minimo di 7 giorni di terapia. Il farmaco impiegato ha ovviamente una componente specifica a seconda del tipo di otite da trattare. Solitamente si presentano con secrezioni di cerume oleoso tendente al giallo, maleodorante.

Otoacariasi

Fa riferimento agli acari delle orecchie o “rogna rossa”. Questa patologia è facilmente identificabile poiché il cerume che si accumula nelle orecchie del micio è scuro, tendente al nero; il prurito che ne consegue può portare anche la fuoriuscita di sangue. Se non viene trattata tempestivamente, l’otoacariasi alla lunga può provocare danni al condotto uditivo e al timpano, con anche perdita temporanea/permanente e parziale/totale della capacità uditiva. E anche l’otoematoma: succede più spesso nel cane, ma anche nel gatto capita che, a volte, a furia di scuotere la testa, i capillari dell’orecchio si rompano il che provoca la formazione di un ematoma sull’orecchio. La terapia consiste in un’accurata pulizia con un prodotto che sciolga il cerume (es. Otodine ICF); l’applicazione di gocce auricolari terapeutice e lenitive, nonché l’applicazione di un antiparassitario specifico, sempre in formulazione spot on, da applicare tra le scapole del gatto una volta al mese per almeno tre mesi consecutivi (Stronghold Gatto Pfizer o Advocate Gatto Bayer)

Inserisci un commento



Cos'è Maulin

MauLin è il nome che alcuni monaci attribuirono al loro antico monastero a seguito della sua curiosa particolarità. Esso era circondato da una foresta abitata da un numero imprecisato di gatti i quali conducevano la propria vita in stretta connessione con la natura, l'ambiente circostante e i monaci stessi. La presenza di tali felini trasmetteva agli abitanti del monastero tranquillità, felicità e infinita saggezza.