MauLin

La filosofia dei cat-blogger

Igiene e pulizia

BRITAIN CAT WASH

Il gattino fa i suoi bisogni nella lettiera fin dall’età di 6 settimane. Questo insegnamento di norma viene dato dalla madre, ma comunque risponde ad un istinto naturale del gatto.

Nel caso in cui il vostro micio non sia ancora abituato alla lettiera potete istruirlo voi: mettete il micio nella lettiera, scavate un buco con la sua zampa e aiutatelo a ricoprire gli escrementi sempre con la zampetta. Ripetendo questa operazione una o due volte , il gattino imparerà come fare.

Quando il gatto non copre le sue deiezioni è per proclamare la sua dominanza: “spande” i suoi odori nel circondario per far capire agli altri gatti che lì comanda lui! È un atteggiamento molto raro nei gatti domestici; tale comportamento si riduce in ogni caso dopo la castrazione/sterilizzazione.
Il gatto è un animale estremamente pulito. Impara a lavarsi fin dalle prime settime di vita.

Leccandosi asporta polvere e pelo morto, che elimina poi con le feci. Talvolta, soprattutto nel caso di gatti a pelo lungo, tale eliminazione non avviene correttamente, magari perché il bolo è troppo grosso ed il gatto potrebbe avere episodi di vomito. È quindi necessario aiutarlo con un integratore alimentare a base di malto destrina, lecitina di soia e olii vari, nonché fermenti lattici. In commercio ne sono disponibili di vari tipi, in compresse appetibili sbriciolabili o pasta, come

  • Actinorm pasta o compresse Ceva Vetem
  • Remover pasta Intervet
  • RimuoviPelo Gatto Bayer
  • Malt soft Gimpet

Tutti possono essere somministrati misti al cibo o direttamente per via orale.

Un altro luogo comune da sfatare è che il gatto che odia l’acqua: ci sono mici che adorano essere immersi in acqua e sapone, soprattutto quelli a pelo lungo. La cosa importante è abituare il micio fin da piccolo. Una volta ultimate le vaccinazioni è possibile fare un primo bagnetto. Munitevi di uno shampoo specifico acquistato in farmacia (diffidate dei prodotti da banco dei negozi di animali o supermercati: contengono tensioattivi troppo aggressivi che possono irritare la cute!), diluitelo con acqua nella misura di 1:5 circa. Inumidite il pelo dell’animale con acqua tiepida piuttosto calda (circa 30 gradi) per facilitare la caduta del pelo morto ed emulsionate con lo shampoo diluito. Evitate il contatto con gli occhi ed il nasino, risciacquate abbondantemente facendo attenzione a non far entrare l’acqua nelle orecchie. Strofinatelo con un asciugamano e poi con il phon a temperatura media, tenuto a distanza di almeno 10 / 15 cm e sempre in movimento, non fisso su un unico punto, per evitare di scottarlo.

Per i gatti a pelo corto è sufficiente un bagno all’anno, i pelo lungo un bagno per ogni stagione.

Molto più importante è la spazzolatura, da fare quotidianamente, per facilitare l’eliminazione del pelo morto, polvere ed eventuali residui di sporco (cibo o escrementi), nonché per evitare la formazione di fastidiosi nodi.

Non usate deodoranti che non siano specifici per il gatto! Leccandosi il micio potrebbe intossicarsi. In ogni caso è bene non abusarne e limitarne l’utilizzo ad occasioni speciali o necessarie, mai più di una volta alla settimana.


1 commento.


  1. [...] spese: ovviamente dovrete considerare i costi per l’igiene e la pulizia, dalla lettiera (dieci euro al mese circa), al trasportino (da 15 a 40 euro) e alla una spazzola. [...]

Inserisci un commento



Cos'è Maulin

MauLin è il nome che alcuni monaci attribuirono al loro antico monastero a seguito della sua curiosa particolarità. Esso era circondato da una foresta abitata da un numero imprecisato di gatti i quali conducevano la propria vita in stretta connessione con la natura, l'ambiente circostante e i monaci stessi. La presenza di tali felini trasmetteva agli abitanti del monastero tranquillità, felicità e infinita saggezza.