MauLin

La filosofia dei cat-blogger

Adottiamo un micio

Una cucciolata

Anche il più piccolo dei felini, il gatto, è un capolavoro”.
Così Leonardo da Vinci definiva il nostro felis silvestris catus, il felino dominatore di divani domestici e strade cittadine. Il gatto è un animale estremamente volitivo ed intelligente, pronto al gioco ed all’apprendimento.

L’avventura comincia dal primo istante in cui decidete di prendere un gattino; in quel momento diventate responsabili per lui, della sua salute e della sua sicurezza, nonché della sua felicità, per circa 15/20 anni. Ricordate quindi che avere un gatto comporta delle responsabilità, non è un giocattolo.

Se volete prendere un gatto nella vostra casa, oltre a dare uno sguardo nei gattili della vostra città, vi porrete il problema se scegliere un maschietto o una femminuccia. La scelta dipende solo dal vostro desiderio: contrariamente a quanto si pensi, non ci sono grosse differenze caratteriali tra i due sessi. Della cucciolata, solitamente chi vi si avvicina è di carattere più aperto. Un altro errore comune è quello di scegliere il più ritroso, giudicandolo il più tranquillo… sbagliato! potrebbe rivelare un carattere fin troppo schivo ed ombroso. Ovviamente ciò non significa che i gattini che non vi fanno le feste debbano essere abbandonati a loro stessi. Valutate però in base anche alla vostra attesa e gestione domestica del felino.

http://www.youtube.com/watch?v=Ha3nbHNqUls

Una piccola curiosità: si dice che i gatti rossi siano più intelligenti poiché il rosso è il colore che più colpisce l’occhio, di conseguenza in una cucciolata il micio rosso sarà quello che più sarà stimolato.

Inserisci un commento



Cos'è Maulin

MauLin è il nome che alcuni monaci attribuirono al loro antico monastero a seguito della sua curiosa particolarità. Esso era circondato da una foresta abitata da un numero imprecisato di gatti i quali conducevano la propria vita in stretta connessione con la natura, l'ambiente circostante e i monaci stessi. La presenza di tali felini trasmetteva agli abitanti del monastero tranquillità, felicità e infinita saggezza.